Vai al contenuto

Vox epòn

Vox epòn, ovvero la voce delle parole. Un titolo che unisce indissolubilmente latino e greco, le due lingue alla base dell’intera civiltà occidentale. Questo blog vuole dare spazio alla cultura in ogni sua forma e fornire uno sguardo attento e libero sul mondo in cui viviamo. Il blog completa la mission della casa editrice in quanto strumento flessibile e sempre aggiornato da accostare al fascino eterno della carta stampata.

Fig.1: ritratto di dama. «Non son li editti etterni per noi guasti, ché questi vive, e Minòs me non lega; ma son del cerchio ove son li occhi casti   di Marzia tua, che ‘n vista ancor ti priega, o santo petto, che per tua la tegni: per lo suo amore adunque a noi ti piega». (Purg. I 76-81)   Catone e Marzia, divisi nella morte Il primo personaggio incontrato da Dante nella cantica intermedia
Fig.1: il logo scelto per l’edizione 2021 del Dantedì. Giovedì 25 Marzo 2021 si celebra il Dantedì. Tale ricorrenza ha una storia piuttosto recente, dal momento che è stata istituita con la Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 gennaio 2020 (in GU Serie Generale n.39 del 17/02/2020). Come afferma il testo della Direttiva, «è indetta la “Giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri”, denominata “Dantedì”, per il giorno 25 marzo di ogni anno».
  Fig.1: l’incontro tra Dante e Beatrice in Purgatorio (cartolina pubblicitaria Liebig, 1966). così dentro una nuvola di fiori che da le mani angeliche saliva e ricadeva in giù dentro e di fori,   sovra candido vel cinta d’uliva donna m’apparve, sotto verde manto vestita di color di fiamma viva. (Purg. XXX 28-33)     Il canto di Beatrice Nel paradiso terrestre, in mezzo ad una foresta di prati, fiori ed alberi, Dante assiste ad
error: Content is protected !!